Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Musica con Vista: il Quartetto Eos a Villa Marazzi

Quartetto Eos

Musica con Vista: il Quartetto Eos a Villa Marazzi

Nato nel 2016 dall’incontro di quattro giovani musicisti – Elia Chiesa, Giacomo Del Papa, Alessandro Acqui, Silvia Ancarani – all’interno del Conservatorio S. Cecilia di Roma e vincitore del “Premio Farulli” della Critica Musicale “Franco Abbiati” nel 2018, il Quartetto Eos sarà protagonista di un concerto a Villa Marazzi (Palazzo Pignano) il prossimo 4 luglio (ore 18.00) per il Festival Musica con Vista.

Come avete trascorso quest’anno così complesso, in particolare per lo spettacolo dal vivo? 

Il bello della vita di un musicista è il susseguirsi di stimoli, obiettivi, viaggi e concerti.
Tutto quello che davamo per scontato da un giorno all’altro si è fermato e ci è sembrato di tornare indietro nel tempo, quando eravamo quattro studenti in conservatorio che ancora non si conoscevano. Fortunatamente siamo riusciti a provare dopo due mesi di quarantena.

Quali emozioni vi ha lasciato il concerto che lo scorso vi ha visto protagonisti a Villa Panza per la prima edizione di Musica con vista, e cosa significa per voi ritornare al Quartetto? 

Il concerto a Villa Panza è stato uno dei primi spettacoli dal vivo post lockdown e, nonostante il pubblico ridotto e distanziato, lo ricordiamo come un momento di festa e di ripartenza, anche se temporanea. Tornare a suonare per la Società del Quartetto di Milano è sempre un’emozione.

Il 4 luglio a Villa Marazzi eseguirete brani di Mozart e Webern. Quali sono le particolarità? 

Il Quartetto K159 di Mozart è un brano che abbiamo scoperto in questi mesi e si presta all’apertura del concerto. Tre movimenti con una scrittura semplice, simile a quella dei Divertimenti e con un carattere giovanile rispetto al K387, uno dei quartetti più sperimentali e innovativi tra i lavori dedicati ad Haydn. Langsamer Satz di Webern, invece, è un idillio d’amore volto all’esaltazione del sentimento. Un brano influenzato dallo stile romantico che ha poco a che vedere con le opere dodecafoniche o le bagatelle per quartetto d’archi del compositore austriaco.

Quali sono i vostri prossimi impegni in calendario?

Nei prossimi mesi ci trasferiremo a Lucerna per un Master di musica da camera con il M° Isabel Charisius e ci prepareremo per la registrazione del nostro progetto discografico per la Da Vinci Records con musiche di Mendelssohn, Webern e Janàcek. 

Consulta il calendario completo del Festival Musica con vista, realizzato dal Comitato Amur, Le Dimore del Quartetto e Associazione Dimore Storiche Italiane.


ACQUISTA ORA

Ricerca Eventi