Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Ravel e Debussy “inconsueti” con il trio Rossi Nannoni Soldati

 Saranno il violino di Cristiano Rossi, il violoncello di Andrea Nannoni e il pianoforte di Simone Soldati i protagonisti del terzo concerto della stagione cameristica dell’AML che si terrà domenica 26 gennaio alle 17 nell’auditorium di San Micheletto. In programma alcune pagine di Ravel e Debussy di rara intensità emotiva.

La Sonata in do maggiore per violino e violoncello di Maurice Ravel è una composizione dal carattere enigmatico, addirittura ermetico, che costringe i due strumenti a un “dialogo” insolito, che lo stesso autore definì come «rinuncia al fascino armonico».

Di Claude Debussy ascolteremo, insolitamente accostati nello stesso concerto, una delle sue prime composizioni (il Trio in sol maggiore per violino, violoncello e pianoforte) e due degli ultimi componimenti, la Sonata n. 1 in re minore e la Sonata n. 3 in sol minore

Il Trio fu composto nell’estate del 1880 da un Debussy appena 18enne e fu scoperto solo nel 1986. Brano poco eseguito nei concerti, venne scritto a Fiesole durante un viaggio in Italia e risente di questa esperienza che per l’autore fu importantissima. La Sonata n. 1 è un pezzo molto intenso, in cui convivono malinconia, mistero ed ironia. La Sonata n. 3, completata ai primi di maggio del 1917, è l’ultima opera di Debussy e nonostante questo, “per una contraddizione del tutto umana” -come scrive l’autore stesso-, “sprigiona movimento e allegria”.

Non hanno bisogno di grandi presentazioni i protagonisti del concerto di domenica. Cristiano Rossi è uno dei concertisti più apprezzati in Italia, al suo attivo innumerevoli recital ed importanti esibizioni in in Europa, Sud America, Stati Uniti e Giappone. Docente di violino al conservatorio “L. Cherubini” di Firenze per oltre vent’anni, attualmente si dedica a corsi di perfezionamento per giovani concertisti, invitato da prestigiose accademie musicali quali l’Accademia Pianistica di Imola, Asteria di Milano, Tadini di Lovere, Accademia Musicale di Firenze, ecc.

Andrea Nannoni ha studiato al conservatorio “Cherubini” di Firenze per poi specializzarsi all’Accademia Chigiana di Siena e a quelli della Hochschule fur Musik di Vienna. Vincitore di numerosi concorsi, nel 1980, per particolari benemerenze nel campo del concertismo nazionale e internazionale, gli è stato conferito il premio nazionale “David di Michelangelo”. Fa parte del Trio di Fiesole, con il quale ha ottenuto premi e ottimi consensi di pubblico e di critica in Italia e all’estero. È titolare di una cattedra di violoncello al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze.

Simone Soldati, stimato e affermato pianista lucchese, svolge un’intensa attività concertistica in tutta Italia e all’estero collaborando con prestigiosi artisti come Susanna Rigacci, Mario Ancillotti, Simone Bernardini (violinista dei Berliner Philharmoniker), Alberto Bologni, Antonello Farulli, Herbert Handt, Alain Meunier, Andrea Nannoni, Franco Maggio Ormezowsky, Gabriele Ragghianti e con loro è stato presente in prestigiose stagioni concertistiche tra cui il Festival Settembre Musica e Unione Musicale a Torino, Bologna Festival e Bologna Musica Insieme, Istituzione Universitaria dei Concerti a Roma, Associazione Scarlatti a Napoli, I Concerti della Normale a Pisa, I Concerti del Quirinale, Teatro La Fenice di Venezia. Attualmente è docente di Pianoforte Complementare all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Boccherini” di Lucca e ricopre la carica di direttore artistico dell’AML.

Il costo del biglietto intero è di 12 euro, ridotto 10 euro, i ragazzi under 14 entrano gratis.

Ricerca Eventi