Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Trio Metamorphosi e Monica Bacelli per il concerto inaugurale della Stagione cameristica

Saranno il Trio Metamorphosi e il mezzosoprano Monica Bacelli a inaugurare, domenica 17 gennaio (ore 17), all’Auditorium del “Boccherini”, la stagione cameristica 2016 dell’Associazione Musicale Lucchese.

Il Trio Metamorphosi è senza dubbio una delle più è titolate e prestigiose formazioni italiane. Da anni raccoglie grandi consensi sia in Italia che all’estero. Formatosi nel 2005 con il nome di Trio Modigliani, è composto da Mauro Loguercio (violino) e dai fratelli Angelo e Francesco Pepicelli, il primo al pianoforte e il secondo al violoncello. Nel 2015 i tre decidono di cambiare nome alla formazione, che diventa così il Trio Metamorphosi, un nome che vuol essere un inno al processo continuo di cambiamento nel quale il complesso cameristico si impegna senza sosta, senza mai cadere schiavo dell’abitudine e garantendo unicità a ogni performance. Il Trio si è esibito in Europa, Nord e Sud America e Giappone e ha all’attivo varie incisioni.

Il mezzosoprano Monica Bacelli si è formata al Conservatorio di Pescara. Dopo il debutto al Teatro Sperimentale di Spoleto, la sua carriera si è sviluppata nei principali teatri italiani e internazionali, portandola alla Scala, alla Staatsoper di Vienna, al Covent Gardem come alla Philarmonie di Berlino, all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e al Concertgebouw di Amsterdam. Ha collaborato con direttori come Claudio Abbado, Daniel Harding, Riccardo Muti, Antonio Pappano, Simon Rattle, Zubin Metha. 

Bacelli e il Trio Metamorphosi presenteranno un programma molto particolare, uno straordinario viaggio attraverso le melodie popolari scozzesi rilette da Joseph Haydn e Ludwig van Beethoven. Di Haydn saranno eseguiti il Trio in mi maggiore Hob. XV:28 e le Scottish Airs. Di Beethoven sono stati scelti l’Introduzione e Variazioni in sol maggiore op. 121a sul Lied “Ich bin der Schneider Kakadu” e gli Schottische Lieder.

Il costo del biglietto è 12 euro (ridotto 10 euro). I ragazzi fino a 14 anni entrano gratis.

Si consiglia di recarsi all’auditorium almeno 30 minuti prima dell’inizio del concerto.

Ricerca Eventi