Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

La musica di Boccherini, Beethoven e Ravel con il Quartetto Noûs e Giampaolo Bandini

Dopo le percussioni e il pianoforte, è la volta degli archi e della chitarra. Protagonisti del terzo concerto della stagione cameristica dell’Associazione Musicale Lucchese sono infatti l’elegantissimo Quartetto Noûs e il chitarrista Giampaolo Bandini, che saliranno sul palco dell’auditorium dell’ISSM “Boccherini” domenica 28 gennaio, alle ore 17. Il concerto, che fa parte del calendario del “Settecento musicale a Lucca”, propone musica di Boccherini, Beethoven e Ravel.

Di Boccherini ascolteremo il Quintetto n. 1 in re minore per chitarra e archi G.445, composizione dal carattere spensierato e dalla fresca inventiva. Tra il 1798 e il 1799 Boccherini trascrive e raduna in due raccolte dodici quintetti, originariamente composti per organici diversi, affidandoli a una formazione strumentale piuttosto insolita: al quartetto d’archi classico, formato da due violini, viola e violoncello, il compositore aggiunge infatti la chitarra. L’impiego della chitarra trova giustificazione anche nell’interesse nutrito da Boccherini per il folclore della Spagna, paese di cui è ospite da lungo tempo.

Sarà poi la volta di Ludwig van Beethoven con il Quartetto per archi n. 4 in do minore op. 18 n. 4. Il Quartetto è impostato nella tonalità che viene riservata da Beethoven all’esposizione di conflitti drammatici e probabilmente proprio questa patina patetica ha guadagnato alla composizione una netta celebrità all’interno del gruppo dell’op. 18.

Dopo l’intervallo, un capolavoro assoluto della musica di tutti i tempi. Ascolteremo infatti il Quartetto per archi in fa maggiore di Maurice Ravel. Il componimento è il primo e unico Quartetto composto da Ravel. Scritto tra la fine del 1902 e la primavera del 1903, il compositore francese lo dedicò al suo «cher maître» Gabriel Fauré. Il passo che compie nell’accingersi a una fatica musicale giudicata universalmente cosa da maestri è intenzionalmente temerario e quello che ne scaturisce è la prima grande opera di un Ravel assolutamente maturo.

Il concerto verrà introdotto da Marco Mangani, musicologo e vice presidente del Centro Studi Boccherini.

*** *** ***
Il costo del biglietto è 12 euro (ridotto 10 euro). I ragazzi fino a 14 anni entrano gratis. Si consiglia di recarsi all’auditorium almeno 30 minuti prima dell’inizio del concerto.

Ricerca Eventi