Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Giuseppe Albanese e l’Orchestra della Toscana..a tutto Beethoven!

Si conclude con un concerto completamente dedicato a Ludwig van Beethoven l’edizione 2014 del festival “Lucca in musica”. Venerdì 6 giugno alle ore 21 al Teatro del Giglio il pianista Giuseppe Albanese e l’Orchestra della Toscana eseguiranno l’Ouverture in do minore op. 62, “Coriolano”, il Concerto pianoforte e orchestra in do minore n. 3 op. 37 e la Sinfonia in la maggiore n. 7 op. 92. Sul podio il maestro Julian Kovatchev.

Composto tra la fine del 1806 e l’inizio del 1807, nel pieno del fervore inventivo che culminerà nella Quinta sinfonia, Beethoven fu invitato a scrivere un pezzo d’accompagnamento per la tragedia Coriolano del poeta austriaco Heinrich Joseph von Collin. Si tratta di una pagina di musica che, nonostante la brevità, per la sua potenza drammatica è divenuta ben presto una delle più amate del compositore tedesco. A seguire potremo ascoltare il Terzo concerto, opera che segna il passaggio a uno stile inconfondibilmente personale, in cui Beethoven sviluppa una sorprendente fusione tra l’orchestra e la parte solistica del pianoforte, affidata per questo concerto al talento di Giuseppe Albanese. Chiude il programma la Settima Sinfonia, un capolavoro assoluto di tutti i tempi, forse la più dionisiaca tra le sinfonie di Beethoven, un’opera che Richard Wagner definì “l’apoteosi della danza”.

Un programma davvero raffinato, quello di questo concerto conclusivo di “Lucca in musica”, affidato a interpreti di grande livello. Giuseppe Albanese, tra i più apprezzati pianisti della sua generazione, suona regolarmente con grandi orchestre esibendosi nei teatri più importanti del mondo. Da segnalare gli inviti al Winter Arts Square Festival di Y. Temirkanov a San Pietroburgo, al Castleton Festival di L. Maazel, al Festival di Colmar, al Festival Internazionale di Brescia e Bergamo e al Festival En Blanco y Negro di Mexico City. In Italia ha suonato per tutte le più importanti stagioni concertistiche, tra cui quella dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Già “Premio Venezia” 1997, assegnato all’unanimità da una giuria presieduta dal M° Roman Vlad, e Premio speciale per la miglior esecuzione dell’opera contemporanea al “Busoni” di Bolzano, Albanese nel 2003 ha vinto il primo premio al “Vendome Prize” (presidente di giuria Sir Jeffrey Tate). Laureato in filosofia col massimo dei voti, a soli 25 anni è stato docente a contratto di “Metodologia della comunicazione musicale” presso l’Università di Messina. Attualmente è docente di pianoforte al Conservatorio “Rossini” di Pesaro.

L’Orchestra della Toscana si è formata a Firenze nel 1980. Composta da 45 musicisti che si suddividono anche in agili formazioni cameristiche, l’Orchestra realizza le prove e i concerti, distribuiti poi in tutta la Toscana, nello storico Teatro Verdi, situato nel centro di Firenze. Interprete duttile di un ampio repertorio che dalla musica barocca arriva fino ai compositori contemporanei, l’Orchestra riserva ampio spazio a Haydn, Mozart, tutto il Beethoven sinfonico, larga parte del barocco strumentale, con una particolare attenzione alla letteratura meno eseguita. Una precisa vocazione per il Novecento storico, insieme a una singolare sensibilità per la musica d’oggi, rendono la formazione toscana un unicum nel panorama musicale italiano.

Dopo aver trascorso l’infanzia in Bulgaria, Julian Kovatchev si è trasferito in Germania per studiare al Mozarteum e poi specializzarsi in direzione d’orchestra con Herbert Ahlendorf e con Herbert von Karajan. Nel 1985 ha debuttato in Italia, al Teatro Verdi di Trieste, con Jenufa di Janàcek, diventando ospite regolare dei maggiori enti lirici italiani: Scala di Milano, San Carlo di Napoli, Opera di Roma, Fenice di Venezia, Massimo di Palermo, Comunale di Bologna, Carlo Felice di Genova, Lirico di Cagliari.

I biglietti sono in vendita alla biglietteria del Teatro del Giglio. Primo settore: 20 euro (intero), 18 euro (ridotto per le persone di età inferiore ai 25 anni e superiore ai 65 e soci delle associazioni riconosciute), 13 euro (ridotto soci AML e abbonati Teatro del Giglio). Secondo settore: 16 euro (intero), 13 e 10 euro (ridotto). Per maggiori informazioni sul “Lucca in musica”: www.associazionemusicalelucchese.it

Ricerca Eventi