Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Il lavoro di Herbert Handt rappresenta una ricchezza fondamentale per il mondo culturale di Lucca

Conclusa la terza edizione di Lucca Classica Music Festival, l’Associazione Musicale Lucchese intende ringraziare ancora una volta il suo fondatore e attuale presidente onorario, il maestro Herbert Handt, sottolineando come il suo lavoro di musicologo e la sua attività di direzione artistica rappresentino la radice profonda di molte delle iniziative musicali e culturali che oggi arricchiscono la nostra città.

Erano gli anni ’70, precisamente il 1978, quando il maestro Handt dette il via al Festival Marlia, una delle prime manifestazioni in Italia in cui si fondevano opera, danza, teatro, conferenze e concerti, con un progetto di valorizzazione culturale del territorio che risuona ancora nel modello di Lucca Classica.

Allo stesso modo si ricordano i suoi studi e le sue ricerche dedicati alla ricchissima tradizione musicale lucchese, iniziati negli anni 60. Al maestro Handt si devono infatti scoperte fondamentali su molti autori nostri concittadini e in particolare sulla dinastia dei Puccini. Tra queste ci sono anche le Lamentazioni della Settimana Santa, alcune delle quali proposte al pubblico già dal 1966. Tra i vari concerti dedicati alla dinastia Puccini proposti nei decenni a seguire si ricorda anche quello del 1969 in collaborazione la Sagra Musicale Lucchese. «Su queste basi – dichiara il presidente dell’AML Marco Cattani – pensiamo che si debba fondare ancora oggi l’impegno di tutti coloro che proseguono nello studio e nell’interpretazione di questa parte della nostra storia culturale».

Ricerca Eventi