Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Massimo Quarta e Pietro De Maria in concerto a Pieve a Elici

Il violino di Massimo Quarta e il pianoforte di Pietro De Maria sono i protagonisti del secondo concerto del Festival di musica da camera della Versilia, in programma giovedì 6 luglio alle 21:15, nella pieve di San Pantaleone a Pieve a Elici.

I due interpreti non hanno bisogno di grandi presentazioni. Massimo Quarta è infatti uno dei più importanti violinisti della sua generazione. Vincitore di numerosi riconoscimenti, tra cui il concorso internazionale di violino “N. Paganini” di Genova, si è esibito sui più prestigiosi palcoscenici internazionali e ha lavorato con i più importanti direttori, come Yurij Temirkanov, Myun Wun Chung, Daniele Gatti e Vladimir Yurowsky. Pietro De Maria, dopo aver vinto nel 1990 il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca, ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali e porta avanti una intensa attività concertistica nelle maggiori istituzioni musicali del mondo con un repertorio che spazia da Bach a Ligeti.

Quarta e De Maria tornano a esibirsi per la manifestazione promossa dal Comune di Massarosa e dall’Associazione Musicale Lucchese con un programma che esalta le loro strepitose capacità di interpreti. Eseguiranno, infatti, la breve e elegantissima Sonata in la maggiore per violino e pianoforte n. 2, op. 100 di Johannes Brahms, la Sonata per violino e pianoforte n. 2 in la maggiore op. 12 n. 2 di Ludwig van Beethoven (opera complessa e originale, poco apprezzata dai contemporanei dell’autore che la definirono «stranissima (…) carica di insolite difficoltà») e la Sonata in la maggiore per violino e pianoforte di César Franck, uno dei più importanti lavori della cameristica francese della seconda metà dell’Ottocento, ritenuta un «lavoro cartesiano» per il perfetto bilanciamento della scrittura e per l’equilibrio nel dialogo tra i due strumenti.

La biglietteria apre alle 20:15. Biglietto intero 12 euro, ridotto 10 euro.

Ricerca Eventi