Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Ancora il Trio di Parma e la musica di Beethoven

Terzo appuntamento con l’esecuzione integrale dei Trii per violino, violoncello e pianoforte di Ludwig van Beethoven curata dal Trio di Parma per la stagione cameristica dell’Associazione musicale lucchese. Ivan Rabaglia, Enrico Bronzi e Alberto Miodini si esibiranno ancora una volta sul palcoscenico dell’Auditorium “Boccherini” domenica 4 marzo (ore 17), per aggiungere un nuovo tassello al progetto che, iniziato nel 2017, si sta sviluppando nel corso di più stagioni concertistiche.

Questo terzo evento dedicato ai trii di Beethoven, classica forma cameristica che con il grande compositore tedesco viene totalmente ripensato e assume i connotati di un’elaborata composizione di carattere quasi concertistico, vede l’esecuzione di tre opere. Il primo è il Trio per archi e pianoforte n. 6 in mi bemolle maggiore, op. 70 n. 2, scritto nel 1808 e dedicati alla contessa Anna Maria Erdödy. A seguire, le Quattordici variazioni su un tema originale in mi bemolle maggiore, op. 44 del 1800, del quale peraltro non è rimasto il manoscritto originale e di cui si è anche supposta una datazione assai anteriore. Infine, il famoso solenne e complesso Trio per archi e pianoforte n. 7 in si bemolle maggiore, op. 97, detto “Arciduca” in onore dell’Arciduca Rodolfo, uno dei tanti nobili che all’epoca si dilettavano con la musica, discreto allievo e amico di Beethoven.

Il concerto fa parte del calendario de “Il Settecento musicale a Lucca”.

Il Trio di Parma si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “A. Boito” di Parma e in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una prolifica attività discografica, concerti con i più grandi artisti del mondo e, parallelamente, con un costante impegno didattico nei Conservatori di Novara, Gallarate, al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.
Nel 1994 si è aggiudicato il “Premio Abbiati” dell’Associazione Nazionale della Critica Musicale. Invitato dalle più importanti istituzioni musicali in Italia e all’estero, il Trio ha collaborato con importanti musicisti e ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI e per numerose emittenti estere.

Il costo del biglietto è 12 euro (ridotto 10 euro). I ragazzi fino a 14 anni entrano gratis. Si consiglia di recarsi all’auditorium almeno 30 minuti prima dell’inizio del concerto.

Ricerca Eventi