Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Silenzio in Sala a tempo di Musica

 “SILENZIO IN SALA A TEMPO DI MUSICA”: PARTE DA PARMA, CAPITALE DELLA CULTURA, LA PRIMA STAGIONE CONCERTISTICA DEL COMITATO NAZIONALE AMUR

Il primo gennaio 2021 al Teatro Regio di Parma I Filarmonici di Busseto daranno il La a una nuova rassegna che coinvolge alcune tra le più prestigiose istituzioni concertistiche italiane. In cartellone 13 appuntamenti da Capodanno a Pasqua, in diversi teatri e in streaming gratuito (con pubblico in sala, se e quando sarà possibile), dove il linguaggio della musica si fonde con quello della fotografia per rispondere alla crisi attraverso l’innovazione e la condivisione.

Partirà da Parma, capitale italiana della cultura, “Silenzio in sala a tempo di musica”: la prima stagione concertistica online realizzata dal nuovo Comitato nazionale Amur con il prezioso sostegno di Poste Italiane,  presentata in conferenza stampa il 14 dicembre 2020 alle 10.30 in diretta sul canale youtube della Società dei Concerti di Parma alla presenza di: Mauro Felicori, Assessore alla Cultura e al Paesaggio della Regione Emilia Romagna, Michele Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Parma, Paolo Maier, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione Teatro Regio di Parma, Davide Battistini, Presidente della Società dei Concerti di Parma; Francesca Moncada di Paternò, Presidente del Comitato Amur; Daniele Ratti, fotografo e ideatore del progetto e Fulvia De Colle, Referente direzioni artistiche Comitato Amur.

Il primo gennaio 2021 al Teatro Regio sarà la Società dei Concerti di Parma

 con il concerto dell’ensemble I Filarmonici di Busseto – Corrado Giuffredi, clarinetto, Giampaolo Bandini, chitarra, Cesare Chiacchiaretta, bandoneon, Antonio Mercurio, contrabbasso e Roger Catino, percussioni – a dare il via alla rassegna che coinvolge alcune tra le più prestigiose istituzioni cameristiche italiane riunite dal comitato Amur: Società dei Concerti di Parma, Società del Quartetto di Milano, Fondazione Società dei Concerti di Milano, Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli, Associazione Amici della Musica di Padova, Fondazione Musica Insieme di Bologna, Fondazione Perugia Musica Classica, Società dei Concerti di Trieste, Società del Quartetto di Vicenza, Marche Concerti, Associazione Musicale Etnea, Associazione Siciliana Amici della Musica di Palermo, Associazione Ferrara Musica.

Da gennaio ad aprile 2021 il cartellone prevede tredici appuntamenti, in altrettanti diversi teatri o sale, che saranno registrati a porte chiuse e trasmessi in streaming gratuito sul nuovo portale www.comitatoamur.it ma anche – se e quando questo sarà possibile in base alle indicazioni delle autorità  – in presenza del pubblico. 

“Sembra tutto fermo immobile, in realtà la musica è in movimento è viva”. Da qui nasce l’idea del fotografo Daniele Ratti che immortalerà ciascun concerto con un’unica immagine, il cui processo di impressione durerà per tutto il concerto e sarà visibile al pubblico. In questo modo il linguaggio della musica si fonderà con quello della fotografia e darà vita a un’esperienza multimediale dal forte impatto emotivo. Le fotografie dei concerti restituiranno la realtà del panorama musicale nazionale, apparentemente immobile, ma al contrario in grande fermento artistico e organizzativo.  I video dei concerti saranno arricchiti con interviste agli artisti, mentre le fotografie saranno presentate in una mostra itinerante in occasione della stagione 2021/2022 nelle sedi delle istituzioni coinvolte.

La stagione di concerti “Silenzio in sala a tempo di musica” nasce per sfidare la crisi attraverso un progetto innovativo e condiviso e si propone anche come un utile volano per la promozione culturale e turistica del territorio. Costituisce dunque una tappa fondamentale nel percorso del Comitato Amur, creato a maggio 2020 con lo scopo di riunire le più importanti istituzioni della musica da camera italiana per promuovere attività comuni in grado di dare una risposta concreta alla vita culturale del Paese. Il Comitato Amur già questa estate ha realizzato il Festival itinerante “Musica con Vista” nei giardini e nei chiostri più belli d’Italia che ha visto la realizzazione di otto concerti dal vivo da Milano a Napoli.

“Credo che non daremo mai abbastanza importanza alle realtà musicali indipendenti, soggetti che, magari con l’aiuto delle istituzioni, sono tanta parte della nostra vita culturale, La musica da camera è un terreno d’esercizio di questa presenza indipendente, viviamo di passione privata, associativa: è molto bello che tutte queste realtà si siano riunite e nel momento della difficoltà dell’epidemia reagiscono con un progetto che è un viaggio musicale in tutta Italia.”

Mauro Felicori, Assessore Alla Cultura e al Paesaggio Regione Emilia Romagna

“Entrando in una sala teatrale, in questi giorni, si percepisce un grande silenzio, anche se – come accade per il Teatro Regio, che oggi ci ospita – siamo in un momento di densa attività produttiva. Si sente che qualcosa manca: il confronto, l’incontro, lo scambio di energie culturali che solo una partecipazione in presenza può offrire. È grazie a iniziative come “Silenzio in sala a tempo di musica” che possiamo renderci conto che esiste una dimensione in cui possiamo continuare a incontrarci. È importante continuare a perorare il tempo della musica, che ci permette di non recidere questo filo di contatto, e per questo che siamo orgogliosi di ospitare, grazie a Società dei Concerti e al Comitato AMUR, il primo appuntamento di questa stagione concertistica coraggiosa. La tecnologia favorisce l’incontro fra registri artistici diversi: cerchiamo di non disperdere le note positive che questo periodo ci ha portato, nella speranza che, proseguendo con la stagione, alcuni appuntamenti della rassegna possano essere fruiti dal vivo anche dal pubblico.”

Michele Guerra, Assessore alla Cultura al Comune di Parma

“I momenti complessi come quello che stiamo vivendo ci offrono la possibilità di guardare alla nostra realtà con occhi diversi, valutare contesti nuovi e nuove prospettive. Fare sistema, lavorare con i territori, affacciarsi al digitale, aprire nuovi dialoghi e intercettare nuovi pubblici sono solo alcuni degli aspetti che con il Comitato Amur stiamo esplorando. Queste esperienze sono un investimento per il futuro della musica e della cultura nel nostro paese”

Francesca Moncada, presidente Comitato Amur

“ Siamo orgogliosi di aprire questa prestigiosa rassegna e partire proprio da Parma Capitale Italiana della Cultura, sono emozionato e allo stesso tempo felice perché sarà un’esperienza unica che farà bene a tutte le istituzioni coinvolte nel progetto, al nostro pubblico affezionato e anche ai territori.

é stato un 2020 complicato ma come vedete l’entusiasmo del fare non lo abbiamo perso”.

    Davide Battistini, presidente Società dei Concerti di Parma

“In questo periodo corriamo il rischio di sentirci isolati, la tecnologia può aiutarci a superare questa difficoltà: la stagione concertistica del Comitato AMUR attraversa tutta la penisola e crea un ritratto corale ricchissimo, uno specchio delle direzioni artistiche coinvolte; che hanno scelto programmi musicali di profonda leggerezza: ciò di cui abbiamo bisogno.”

Fulvia De Colle, referente direzioni artistiche Comitato Amur

Ricerca Eventi