Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
News
Non categorizzato

Suoni tra identità e metamorfosi: la stagione 2014

Scopo dell’Associazione è promuovere e sviluppare la conoscenza di composizioni musicali sinfoniche, da camera e vocali, con speciale riferimento a quelle costituenti il patrimonio musicale lucchese. Tale fine sarà raggiunto anche mediante la promozione e l’attuazione di studi e di iniziative intesi alla divulgazione e alla critica di composizioni musicali inedite e l’esecuzione di concerti, da effettuarsi utilizzando prevalentemente, se disponibili ed idonei, artisti, solisti od orchestrali, di scuola o formazione lucchese. I programmi musicali possono includere composizioni sinfoniche, da camera e vocali, di qualunque epoca ed origine, nell’interesse della cittadinanza lucchese e di chiunque voglia assistervi” (dallo Statuto dell’Associazione Musicale Lucchese)

E’ la mission dell’Associazione Musicale Lucchese – ciò che ne disegna l’Identità a fare da guida al progetto della Stagione dei concerti che da molti anni caratterizza l’offerta culturale della città di Lucca nel periodo invernale e che in questo 2013, cinquantesimo anniversario di fondazione della nostra Associazione abbiamo voluto legare strettamente ai temi del Festival “Lucca in Musica”.

Affermati artisti ed alcuni tra i migliori giovani del panorama concertistico internazionale animeranno un programma che si muove attraverso la metamorfosi dei linguaggi, talvolta testimoni della parabola esistenziale ed artistica di un compositore, altre volte simboli di cambiamenti storici e sociali. Tutto ciò in progetti che mirano ad evidenziare come la musica sia capace di restituire, in ogni ambito,profonde evidenze dell’avventura umana. 

Non c’è nulla di immutabile tranne l’esigenza di cambiare” (Eraclito)

L’identità sarà anche quella della città di Lucca, con la sua straordinaria storia, con la sua cultura, con la sua anima: stimoli da intercettare con idee e significanti che superino il confine fra discipline.

Potremo osservare anche i mutamenti delle forme che i compositori hanno utilizzato nei secoli per dar vita a pensiero, animo, emozione.

 I recipienti sono il modo in cui abbracciamo gli eventi, li immagazziniamo, li ridisegnamo secondo il nostro stile. I recipienti rendono visibile lo stile di una cultura” (James Hillman)

I concerti saranno spesso preceduti da un momento di riflessione proposto con l’intento di favorire la percezione di quanto, in ogni tempo, la produzione musicale diventi simbolo della parabola umana.

Bach, Boccherini, Beethoven, Schumann, Messiaen…sono enormemente attuali. Hanno in sé il potere di parlare all’uomo di oggi, si rivolgono agli archetipi. Uno dei nostri obiettivi è quello di rendere sensibile tutto ciò rivolgendoci ad un pubblico che non è spettatore ma compagno di un viaggio con la speranza, inoltre, di saper stimolare con le nostre proposte anche chi non frequenta abitualmente le sale da concerto.

Sono onorato di continuare il prezioso e fondamentale sviluppato per decenni da Herbert Handt che continua ad essere il riferimento per questa Associazione.

Fabrizio Giovannelli – che mi ha preceduto nel ruolo di Direttore Artistico – con il suo importante contributo lascia una situazione artistica di sicura qualità e per questo lo ringrazio sentitamente. Ad Herbert Handt, Fabrizio Giovannelli, Carla Nolledi ed Egisto Matteucci al Presidente Marcello Parducci ed al Consiglio va la mia gratitudine per aver condiviso l’impegno nel preparare questo progetto.

Il nostro augurio è che questa Stagione possa essere un buona occasione per contattare bellezza e stupore ed allargare l’orizzonte della gioia e della conoscenza.

Simone Soldati (Direttore artistico)

Ricerca Eventi