Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
concerti
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
concerti
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
concerti
News
Non categorizzato

Filippo Gorini fa tappa a Lucca con il suo viaggio dedicato a “L’arte della fuga”

Ipnotica e suggestiva, oggetto di analisi e teorie da parte di musicologi ed esecutori di tutti i tempi, rielaborata nei secoli per i più svariati organici, L’arte della fuga è una delle opere più emblematiche ed enigmatiche di Johann Sebastian Bach. Sabato 13 e domenica 14 novembre questo capolavoro incompiuto del genio tedesco sarà il protagonista assoluto del secondo fine settimana della Stagione cameristica dell’Associazione Musicale Lucchese, grazie alla presenza a Lucca del giovane e bravissimo pianista Filippo Gorini, vincitore nel 2015 del Concorso “Telekom-Beethoven” di Bonn e del “Borletti Buitoni Trust Award” nel 2020.

Durante il silenzio dovuto alla pandemia, il pianista ventiseienne si è immerso nello studio dell’Arte della fuga e ne ha fatto l’oggetto di una nuova incisione e di un progetto di vasta portata, The Art of Fugue Explored, che si svilupperà per i prossimi due anni abbracciando una molteplicità di discipline, oltre la musica. L’intento principale è quello di presentare questo capolavoro di Bach non come un monumento fissato nel passato, ma in costante e attuale dialogo con la cultura contemporanea. A questo proposito, oltre a includere L’arte della fuga nel programma dei suoi concerti, Gorini pubblicherà una serie di video in cui conversa con 14 eminenti personalità del mondo delle arti e della scienza, invitate a raccontare il loro legame con la figura di Bach. Fra queste, lo scultore Alexander Polzin, il pianista Alfred Brendel, il regista Alexander Sokurov, l’architetto Frank Gehry, il regista teatrale Peter Sellars, il direttore Yannick Nézet-Séguin e il matematico Marcus du Sautoy.

Per la tappa lucchese del suo viaggio attraverso L’arte della fuga, unica data in Toscana, sabato alle 17:30 all’auditorium dell’Istituto Boccherini, Gorini presenterà il progetto e il video dedicato al Contrappunto IV il cui protagonista è il regista Peter Sellars, considerato uno dei più innovativi e audaci registi contemporanei. Domenica, poi, sempre alle 17:30 al Boccherini, il concerto, con l’esecuzione del capolavoro di Bach.

Il concerto prevede un biglietto (intero €12; ridotto €10). I bambini e i ragazzi sotto i 14 anni entrano gratis. Sono previste agevolazioni per le famiglie.

La Stagione cameristica è realizzata con il contributo del Ministero della Cultura e del Comune di Lucca e con il patrocinio di Prefettura e Provincia di Lucca. Sostengono la stagione: Akeron, Banca del Monte di Lucca, Cartografica Galeotti, Farmacia Novelli, Fabio Francesconi Srl, Assicurazioni Generali (Lucca), Guidi Gino Spa, Hotel Ilaria & Residenza dell’Alba, I gelati di Piero, Lucar TM – Concessionario Toyota, Mag-JLT Broker, Oleificio Rocchi, Toscotec, Unicoop Firenze. L’AML ringrazia Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Studio odontoiatrico associato LDM; MondialCarta e ristorante Gli orti di Via Elisa, mecenati ai sensi della legge sull’Art Bonus.

Ricerca Eventi