Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
News
Non categorizzato

“La musica è con noi”: la playlist di Ottavio Dantone

Ottavio Dantone

La playlist di Ottavio Dantone

Periodi come quello che stiamo vivendo, oltre a porci tante domande e a riflettere su noi stessi, ci fanno capire quanto la musica è con noi e quanto bisogno abbiamo di essa

È possibile che le mie scelte d’ascolto siano condizionate da questa particolare situazione, ma credo anche che questo drammatico evento ci cambi, ci dia prospettive diverse, oltre a regalarci tempo inaspettato con nuove e intime emozioni che forse non avremmo mai vissuto.

Buon ascolto, Ottavio.

  1) Chopin, Ballata n.1 in Sol minore – Arturo Benedetti Michelangeli  

Una grazia esecutiva e una compostezza distaccata che moltiplicano le emozioni in maniera esponenziale. A mio parere difficile da eguagliare. 

   2) Giovanni Pierluigi da Palestrina, Sicut Cervus – Voices of Ascension 

Un ricordo di quando, da fanciullo, cantavo nel Coro della Cappella musicale del Duomo di Milano. La purezza e la perfezione del contrappunto palestriniano ci conduce ad altezze vertiginose di mistico piacere. 

   3) Cage, Piano Works – Giancarlo Simonacci 

Negli ultimi tempi mi sono spesso accostato a questo compositore e alla sua concezione filosofico-musicale del silenzio e del suono.
Qui propongo la sua opera per Pianoforte attraverso la quale percorrere l’evoluzione del suo linguaggio visionario.

4) Gentle Giant, Octopus (Full Album-1972)

Tra la fine degli anni ‘60 e l’inizio del decennio successivo alcuni gruppi Pop/Rock/Progressivi attirarono l’attenzione e l’interesse dei giovani dell’epoca con uno stile e un linguaggio complesso e ricercato, che aveva radici che spaziavano dalle forme classiche più disparate al Jazz. Tra i tanti propongo un ensemble tra i più rappresentativi del panorama inglese, in uno degli album della loro maturità.

   5) Wagner, Meistersinger Ouverture – Vienna Philharmonic/Thielemann  

Semplicemente la mia Ouverture preferita. Grandiosa e speculativa.

Se avete piacere di scoprire le nostre playlist d’autore vi rimandiamo a quelle di Simone RubinoFederica FracassiGiovanni GnocchiBarnaba FornasettiAlessandro TavernaGloria Campaner,ElioMonica Bacelli, Raffaele PeMascoulisse Quartet,Orazio Sciortino,Michele Spotti e Francesco Meli.

Foto di copertina © Giulia Papetti.

Ricerca Eventi